Search Results for "prosciutto"

Farro con osso di prosciutto

La zuppa di farro con osso è un ottimo piatto invernale, ricco di gusto e allo stesso tempo leggero.

Scopri come si può realizzare con pochi ingredienti, in maniera molto economica.

Ingredienti per 4 persone

Preparazione

Ponete in una casseruola l’osso di prosciutto, copritelo con acqua e fatelo bollire per 10 minuti.
Buttate l’acqua di cottura, coprite nuovamente con acqua l’osso, aggiungete la carota e la costa di sedano a pezzetti, la cipolla a fettine e i pomodori a pezzi. Fate bollire per un’ora, quindi filtrate il brodo necessario per 4 porzioni abbondanti (circa 1,5 lt). Assaggiatelo, quindi aggiustate con sale e pepe.

Portare a bollore il brodo e versatevi a pioggia il farro.
Lasciate cuocere per 25 minuti, mescolando spesso. Nel frattempo scarnite l’osso che aggiungerete alla minestra, poco prima del termine della cottura, il prosciutto tagliato a dadini.

Servite la zuppa spolverata di pecorino grattugiato. Volendo conditela fuori dal fuoco, con un filo d’olio extra vergine. Fate molta attenzione nel salare il brodo, perché facilmente l’osso del prosciutto cede molto sapore: rischiereste di avere una minestra troppo salata.

Per maggiori informazioni e per acquistare i prodotti dell’azienda agricola visita:
http://www.cerealielegumi.it


Pasta, scamorza e prosciutto cotto

pasta_scamorza_prosciutto

PER 2 PERSONE

DIFFICOLTA’:
Facile

TEMPI:
25 minuti cottura inclusa

INGREDIENTI:

– 75 gr di prosciutto cotto
– 75 gr di scamorza
– 180 gr di pasta
– 1 pizzico di pepe
– sale q.b.

PREPARAZIONE:

Riempire una pentola con 1 litro d’acqua e mettere sul fuoco vivo. Quando l’acqua inizia a bollire salare e versare la pasta.

Tagliare il prosciutto cotto e la scamorza a pezzetti/cubetti durante la cottura della pasta.

Scolare la pasta e, finché calda mescolarla in una scodella d’acciaio con il prosciutto e la scamorza.

Nel giro di pochi minuti la scamorza inizierà a fondere, servire e mangiare finché calda.

 

Vuoi suggerire una variante alla ricetta? Hai dei suggerimenti? Scrivili pure qua sotto!


Zuppa di piselli, porri e prosciutto

zuppa_di_piselli_prosciutto_e_porro
PER 4 PERSONE

DIFFICOLTA’:
Facile

TEMPI:
1 h

INGREDIENTI:

– 400 gr di piselli
– 200 gran di prosciutto crudo a dadini
– 1 porro
– 1 lt di brodo di carne
– sale
– pepe
– 1 cucchiaio
– panna da cucina q.b.
– 1 pizzico di timo
– 1 foglia di alloro

PREPARAZIONE:

In una pentola capiente far fondere il burro e scottarci il porro tagliato a rondelle sottili. Lasciar cuocere qualche minuto, fintanto che il porro non si sarà ammorbidito. Bagnare con il brodo, aggiungete i piselli, il prosciutto a dadini e l’alloro. Portare ad ebollizione, dopodichè salare e pepare, abbassare la fiamma e lasciar cuocere per circa tre quarti d’ora. Trascorso il tempo di cottura togliere l’alloro e trasferire metà della zuppa in una ciotola, dove verrà frullata con un frullatore ad immersione. Mescolare di nuovo le due metà, aggiungere qualche cucchiaio di panna fa cucina e lasciar cuocere ancora qualche minuto.
Servire con piccoli crostini di pane bruscato.


Melanzane ripiene di scamorza e prosciutto cotto

DIFFICOLTA’:
Facile

TEMPI:
1 ora

INGREDIENTI:

– 4 melanzane lunghe
– 1 scamorza affumicata
– 150 gr di prosciutto cotto a dadini
– 1 uovo
– 1 spicchio di aglio
– pangrattato
– parmigiano
– sale e pepe
– olio extra vergine di oliva

PREPARAZIONE:

Lavare le melanzane e scottarle in acqua bollente salata per una decina di minuti. Una volta scolate e raffreddate tagliarle a metà nel senso della lunghezza e sfuotarle della polpa, facendo attenzione a non forare l’esterno. Ridurre la polpa a pezzettini con il coltello e saltarla in una padella con un po’ di olio e l’aglio schiacciato. Aggiustare di sale e pepe. Quando sarà cotta ridurla in crema con un mini pimmer e mescolarla con il prosciutto, la scamorza tagliata a dadini, il pangrattato e l’uovo. Con l’impasto riempire l’interno delle melanzane, irrorare di olio e cuocere in forno a 180°.


Mousse di prosciutto cotto

PER 10-12 VOUL AU VENT

DIFFICOLTA’:
Facile

TEMPI:
15 minuti

INGREDIENTI:

400 gr di prosciutto cotto
150 gr di robiola
panna liquida non zuccherata
rucola per decorare

PREPARAZIONE

In un robot da cucina tritare il prosciutto cotto fino ad ottenere una granella molto sottile. Aggiungere la robiola e accendere di nuovo il robot, al fine di amalgamare bene il composto. Un cucchiaio per volta versare nel robot anche la panna liquida. La mousse dovrà essere soda, ma morbida. Con una siringa sistemare la crema nei voul au vent caldi, decorare con un ciuffo di rucola e servire.


Risotto giallo con prosciutto

PER 4 MINUTI

DIFFICOLTA’:
facile

TEMPI:
40 minuti

INGREDIENTI:

– 350 gr riso carnaroli
– 100 gr posciutto crudo in una sola fetta
– 1 cipolla piccola
– 100 ml vino bianco secco
– 1 lt brodo di carne
– 50 gr burro
– 1 bustina zafferano
– 1 scalogno
– maggiorana
– 1 cucchiaio cognac
– 30 gr grana grattugiato
– sale

PREPARAZIONE:

In una padella scaldare 20 gr di burro con la cipolla tritata e, in questo fondo, tostare il riso. Sfumare con il vino e, quando sarà evaporato, continuare la cottura aggiungendo un mestolo di brodo di carne bollente per volta. Circa a metà cottura aggiungere lo zafferano sciolto in mezzo bicchiere di brodo. Sgrassare la fetta di prosciutto e tagliare a listelle la parte magra. In una padella saltare con il burro restante lo scalogno tagliato a fettine sottilissime e il prosciutto, bagnare con il cognac e far evaporare. Aggiungere al risotto la maggiorana, il grana e il prosciutto e mescolare. Servire dopo aver fatto riposare almeno un minuto.


Bruschette al Tartufo

Bruschette al tartufo nero

Un antipasto tipico della nostra tradizione sono sicuramente le bruschette al tartufo nero, un piatto dalla preparazione rapida ma dall’altissima qualità e con un sapore gustoso, tipico del tartufo.

Il tartufo grattugiato non verrà semplicemente posto sulle fette di pane bruscate, ma verrà insaporito dall’olio in cui soffriggeremo l’aglio, creando così una salsa dal sapore appetitoso che conquisterà i vostri commensali.

Ingredienti

  • 4 fette di pane
  • Tartufo nero di Norcia
  • 4 cucchiai di Olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • Sale q.b.

Preparazione

Per poter preparare le bruschette al tartufo iniziamo pulendo bene i tartufi e grattugiandoli; nel mentre si fanno bruscare le fette di pane tagliate in precedenza.
Facciamo soffriggere in un pentolino olio e aglio, non appena l’aglio diventa dorato togliamolo e versiamo il tartufo grattugiato insieme al sale.

Continuiamo a mescolare il nostro composto finché non raggiunge una buona consistenza omogenea, facendo attenzione a non farlo cuocere, va scaldato e non cotto o addirittura bruciato: il sapore del tartufo si deve esaltare con l’utilizzo di un buon olio EVO ma non va mai portato a temperature alte.

Una volta ottenuta la nostra salsa, rimuoviamo l’eventuale olio in eccesso e spalmiamo il tutto.

Consigli

Quando il procedimento sarà terminato saremo pronti per servire e gustare questo antipasto tipico della tradizione umbra.
Le bruschette al tartufo possono essere accompagnate da numerosi salumi e prodotti tipici della nostra tradizione.
Vi consigliamo di visitare questo link per acquistare i salumi più adatti da accompagnare a questo antipasto, inoltre nel sito consigliato potrete acquistare anche il Tartufo nero di Norcia, del vino che può accompagnare i vostri pasti e tanti altri ingredienti per poter realizzare numerose ricette tradizionali.



Pasta asciutta con fave e guanciale croccante

image

Ingredienti
70 grammi di pasta (consigliati i rigatoni)
Circa 1 pugno di fave per persona
Circa 2/3 fette sottili di guanciale stagionato per persona
Olio e sale

Preparazione
Prepariamo prima il condimento, se lo lasciamo riposare per il tempo di cottura della pasta assorbirà più sapore.
Saltare in padella le fave con sale, olio e acqua (aggiungere il tutto a freddo) per circa 10 minuti. Dopo aver rimosso le fave mettere nella stessa padella un filo d’olio e il guanciale. Quando croccante togliere dal fuoco e aggiungere le fave.
Cuocere la pasta al dente e una volta scolata saltare per 2/3 minuti nella padella con il condimento.

Se vi piace una pasta molto saporita e non asciutta aggiungete un cucchiaio di fondo di cottura della padella del condimento sopra il piatto di pasta.

Alternativa al guanciale: pancetta o prosciutto crudo a dadini (meno grassa ma con meno sapore)

Buon appetito!


Cavolo allo zafferano

Ingredienti per 4 persone

Un piccolo cavolo, 1/2 litro di brodo, 15 stimmi di zafferano sciolti in poca acqua calda, 50 g di prosciutto, 1/2 cipolla, sale e pepe nero

Prima di tutto tagliare il cavolo a striscioline e va lasciato per 30 minuti immerso in acqua salata e fredda. Affettare finemente il prosciutto e la cipolla. Scolare il cavolo e lasciarlo sbollire per 15 minuti fino a metà cottura. Versare l’acqua dove precedentemente sono stati sciolti gli stimmi e insieme al prosciutto, alla cipolla, al sale e al pepe, aggiungendo al cavolo. Mescolare con cura e lasciare bollire finché il cavolo non diventa tenero. Se necessario, aggiungere un po’ di brodo. Servire in zuppiera affiancandolo coi crostini di pane abbrustolito fritto nell’olio e per chi ama il piccante aggiungere il peperoncino. Al posto del cavolo si possono utilizzare anche altre verdure.

ZAFFERANO PURISSIMO

Lo zafferano è una spezia ricavata da un fiore bellissimo, conosciuto sia dagli antichi Egizi che dai Romani e dai Greci. Siamo riusciti così a ripetere un’antichissima coltivazione: si hanno documenti sullo Zafferano che risalgono al 1300. Il fiore è il CROCUS SATIVUS, da cui si estraggono i tre stimmi interni color rosso vermiglio. La raccolta avviene tra Ottobre e Dicembre e deve essere fatta ogni giorno, nelle primissime ore del mattino; quindi gli stimmi estratti vengono essiccati mediante tostatura. Lo Zafferano è usato da sempre nella farmacopea per le sue proprietà medicinali: sedative, digestive antispasmodiche. Ma è nell’arte culinaria che diventa ingrediente insostituibile di numerosissime ricette. Lo Zafferano infatti si sposa con una grande varietà di alimenti, di cui il riso è senz’altro il più noto. Usatelo nelle ricette di carne, nella pasta viene consigliato dai 3/4 stimmi di Zafferano per persona.

Gli stimmi di zafferano vengono fatti sciogliere in poca acqua calda e con la stessa si condisce il tutto. Questa procedura vale per tutte le nostre ricette.

Scopri come usare lo zafferano purissimo con questo video:

Per maggiori informazioni e per acquistare i prodotti dell’azienda agricola visita:
http://www.cerealielegumi.it


Cotechino in camicia con lenticchie

Ingredienti per 6 persone

1 cotechino di maiale da 1200 g, 2 fette di prosciutto crudo, 1 fetta di fesa di vitello (fette da 100 g), 500 g di lenticchie, 75 cl di vino Lambrusco, carote, sedano, aglio, cipolline, pomodori, pelati, 3 cucchiai di olio di oliva, sale e pepe

Bollire il cotechino in acqua, lasciatelo raffreddare e toglierli la pelle. Avvolgerlo nel prosciutto e nel vitello e legarlo. Fate un trito con le verdure, farle rosolare in olio e unire il cotechino. Aggiungere il Lambrusco e cuocere fino a cottura del vitello. Aggiustare di sale e pepe. Far rosolare in olio un trito di cipolla e aglio, unire le lenticchie ammollate, poca acqua, i pelati e cuocere per 30 minuti. Servire insieme.

Per maggiori informazioni e per acquistare i prodotti dell’azienda agricola visita:
http://www.cerealielegumi.it